lunedì 22 Aprile 2019

John ci ha raccontato la sua Africa

Il 22 aprile il 23enne ugandese ha espresso le sue speranze per il futuro e illustrato il progetto degli Orti Africani di Slow Food

E' stata davvero una giornata speciale e ricca di avvenimenti quella di venerdì 22 aprile per Fontaneto e per la nostra Pro Loco.

E' venuto infatti a trovarci John Wanyu, un giovane neolaureato da poche settimane all’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. In particolare, John, 23 anni dall’Uganda, ha discusso la tesi dal titolo “Folk knowledge for food sovereignty: a field study on new ark of taste products from Buganda Kingdom, Uganda”.

 

Durante la mattina John ha incontrato i ragazzi delle nostre scuole per raccontare l'Africa vista con i suoi occhi, le sue speranze per il futuro e in particolare il progetto degli Orti Africani di Slow Food. Mentre nel pomeriggio ha visitato l'orto scolastico presso la Casa di Paglia, frutto di alcuni laboratori dei ragazzi fontanetesi nel doposcuola.

 

In serata, infine, presso la Sala Polivalente di Piazza Unità d'Italia, John è stato protagonista di “Adotta un orto per un amico”, una serata enogastronomica organizzata dalla nostra Pro Loco in favore degli “Orti Africani”, evento che ha avuto come ospiti d'onore, oltre a John stesso, anche il viticoltore Paolo Rovellotti e l'affinatore di formaggi Gianmarco Moroni.

 

Questo il menù:

 

Stuzzichino di benvenuto - abbinato a Colline Novaresi Bianco 2014

Carne cruda battuta al coltello con verdurine croccanti - abbinata a Colline Novaresi Nebbiolo 2011

Ganassino alla Vespolina con tortino di mais integrale macinato a pietra - abbinato a Colline Novaresi Vespolina 2011

Tagliere 12 formaggi: brillat savarin, primo amore capra, lingotto pecora, saint nectaire, stravacco di pontevecchio, pecorino di pienza, nostrano ossolano 2015, prato fiorito, baufort 2014, blu capra, blu fior d’arancio e stilton - abbinato Ghemme docg 2007

Torta di mandorle - abbinata Valdenrico Passito 2011

 

Vini dell'azienda Antonello e Paolo Rovellotti Viticoltori in Ghemme

 

Questa la locandina della serata