sabato 21 Ottobre 2017

Una Fiera della Cipolla Bionda da oltre dodici quintali!

Edizione record con un fiume di presenze, e la "bionda" sabato 23 settembre va su Rai1

E alla fine al weekend con la Cipolla Bionda hanno partecipato davvero in tanti: appassionati, gourmet, compagnie e tante famiglie. Sabato 16 e domenica 17 settembre a Fontaneto in Piazza Unità d'Italia, Via XXV Aprile e Piazza San Rocco si sono riversate tantissime persone provenienti dai comuni limitrofi, dal Novarese, Vco, Vercellese, Biellese, da tutto il Piemonte in generale e dalla vicina Lombardia.

 

E' stata un'edizione fantastica per la nostra Fiera – afferma il presidente della Pro Loco Eraldo Teruggi – vivere l'entusiasmo della gente, vedere il centro paese così pieno e vivo è il regalo più grande che potessimo sperare. Nonostante qualche scroscio di pioggia soprattutto in serata, la risposta del pubblico c'è stata, eccome. Le specialità tipiche che abbiamo proposto quest'anno, anche grazie al prezioso aiuto della Pro Loco di Cureggio, delle Pro Loco del Quadrante e dell'Antica Consorteria del Tapulone di Borgomanero, hanno riscosso notevole successo.

 

E ad andare a ruba, oltre alle prelibatezze gastronomiche, è stata anche e soprattutto lei: la Cipolla Bionda. “Eravamo ottimisti, certo – afferma il referente dei produttori del Presidio Carlo Masseroni – l'annata e con essa il raccolto sono stati davvero buoni, ma andare oltre i dodici quintali di cipolle vendute va al di là delle previsioni. In questo fine settimana abbiamo registrato un crescente interesse nei confronti della nostra cipolla, la gente non solo viene ad acquistarla ma chiede, domanda sulla sua storia, su come e perché sia diventata presidio Slow Food, quale sia il significato di questo importante riconoscimento, si informa sulle caratteristiche organolettiche, chiede consigli su come cucinarla, insomma cerca acquisti consapevoli e questa forse è la cosa più importante al di là degli ottimi numeri.”

 

E sull'onda della cipolla, nella busta della spesa sono finiti anche gli altri prodotti tipici proposti fra gli stand che assiepavano l'area festa, tra cui anche il Peperone di Capriglio. “E' stato un piacere avere con noi i ragazzi del presidio Slow Food del Peperone di Capriglio – afferma il fiduciario della Condotta Slow Food delle Colline Novaresi Luca Platini – ci hanno fatto conoscere un prodotto incredibile, unico come la nostra Cipolla; ci hanno raccontato la loro storia, ci hanno trasmesso l'amore per la loro terra, incontri come questo arricchiscono, creano sinergie ma soprattutto amicizie. E' stata la prima volta, vogliamo che diventi una bella abitudine: la nostra idea è che, ogni anno, in occasione della Fiera la Cipolla Bionda incontri altri presidi Slow Food”.

 

La rassegna, che ha coinvolto nella sua organizzazione decine di volontari in giallo con indosso la maglietta che rende omaggio alla “bionda”, è stata anche una due giorni di spettacoli: sabato sera Matteo “Ufocinque” Capobianco ha dipinto un enorme pannello con tecnica mista rendendo omaggio alla cipolla e alle Colline Novaresi, sulle note della musica dei Whisky & Romance. Domenica pomeriggio si è iniziato con il laboratorio di songwriting proposto da Casa di Paglia e sfociato nell'originale canzone proposta da Luca Borin; poi è stato il turno del dialetto, con il teatro di strada proposto dall'Associazione La Nosta Gent di Romagnano Sesia e dall'Associazione Argento Vivo di Cavaglio d'Agogna; il pubblico infine ha assistito agli spettacoli di giocoleria e alle acrobazie di Dimidimitri e alla musica folk delle Folhas.

Entrambi i giorni hanno visto inoltre impegnati i ragazzi di Moguwork e le Principesse Disney, e con loro le truccabimbi di Over The Rainbow, animatori apprezzatissimi da tutti i più piccoli. “Se dovessi trovare un'immagine – conclude Eraldo Teruggi – per fotografare questa Fiera è quella della via piena di famiglie con tanti bimbi: la loro gioia è il nostro tesoro.”

 

E non è finita qui. Sabato 23 settembre, a partire dalle ore 12.20 su Rai1, la Cipolla Bionda sarà uno degli attori protagonisti della puntata di Linea Verde dedicata a Novara e al novarese. Una puntata da non perdere!